4 Luglio, 2020
Banner Top
Impianti dentali pro e contro

Quali sono i pro e i contro di un impianto dentale? Scopriamoli insieme:

Com’è fatto un impianto dentale?

L’impianto dentale è un dispositivo medico chirurgico utilizzato in odontoiatria come sostituto di uno o più denti andati perduti. Esso è costituito da titanio e ha una forma cilindrica o conica con spire che si estendono lungo tutta la superficie destinata a essere inserita nell’osso. All’interno dell’impianto, che in parte è cavo, si trova l’alloggio per la componente esterna (moncone) a cui viene fissato tramite una vite. Il moncone sarà deputato a sostenere il dente.

Le spire sulla superficie dell’impianto garantiscono una corretta stabilità durante la chirurgia di inserimento all’interno dell’osso (impianto endosseo) e durante la fase di guarigione. La biocompatibilità del titanio permette che sulle spire e tra di esse avvenga il fenomeno di osteointegrazione responsabile della permanenza dell’impianto a lungo termine anche quando sarà sottoposto alle forze masticatorie. Si ritiene necessario, inoltre, che attorno al moncone/dente sia presente una adeguata quantità e spessore di gengiva cheratinizzata e che vi sia quindi un corretto e forte sigillo capace di proteggere la componente endossea dell’impianto dall’insulto batterico.

I pro degli impianti

Ricorrere a un impianto permette di ripristinare la funzionalità e l’estetica della bocca. Infatti, oltre a restituire un bel sorriso, permette di ristabilire una corretta masticazione. L’atto masticatorio risente infatti degli elementi dentari mancanti. Per non sollecitare troppo le gengive, le persone tendono a modificare l’occlusione. Ciò ha delle ripercussioni su tutta la bocca. Gli impianti, invece, aiutano a ristabilire la corretta funzionalità.

Quanto dura un impianto dentale?

Se correttamente inseriti e se adeguatamente mantenuti, gli impianti dentali possono avere una percentuale di successo a lungo termine del 93-98% anche se le componenti protesiche possono presentare problemi dopo 10-15 anni.

I contro: quali sono i rischi che si corrono quando si ricorre agli impianti dentali?

I rischi relativi agli impianti possono insorgere sia durante l’atto chirurgico durante il quale  si può avere sanguinamento eccessivo, danneggiamento di strutture nobili come il nervo alveolare inferiore o perforazione del seno mascellare. Queste complicanze possono mostrarsi anche in un secondo momento: se il paziente ha sofferto di parodontite prima di ricorrere all’impianto, il rischio di problemi di patologia infiammatoria perimplantare è infatti più alto.

Le complicanze meccaniche

I rischi a medio e lungo termine possono essere meccanici: può fratturarsi la corona protesica, la vite di connessione dell’abutment o la addirittura l’impianto stesso.

Le complicanze biologiche

Sono le più frequenti: la meno grave è la mucosite perimplantare, cioè un’infiammazione della mucosa perimplantare generalmente dovuta all’accumulo di placca batterica. La più grave è la perimplantite, è sempre preceduta dalla mucosite. Interessa anche il tessuto osseo che radiograficamente appare riassorbito; questa situazione clinica  mette seriamente a rischio la stabilità e la sopravvivenza dell’impianto.

A cura della Commissione Editoriale della
Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

gengive - Logo SIdP

Related Article

error: Copyright Gengive.org