22 giugno, 2018
Banner Top

Parodontite

La parodontite è una malattia infiammatoria che colpisce i tessuti attorno al dente (tessuti parodontali), come la gengiva, l’osso ed il legamento parodontale, causandone una perdita progressiva.
La distruzione del parodonto è irreversibile ma può essere bloccata ed in alcuni casi particolari interventi possono restaurare il tessuto perso. La gengivite precede la parodontite, ma diversamente da quest’ultima non è associata a nessuna perdita di tessuto ed è perciò completamente reversibile se adeguatamente trattata.

La parodontite può colpire soggetti di tutte le età, anche i bambini, ed è molto frequente negli adulti: ne soffre il 50% sopra i 35 anni e il 15% è colpito da una forma grave di malattie. Oltre i 65 anni ne soffre quasi il 70% degli italiani. Può avere una velocità di progressione più o meno rapida ed a seconda del grado di distruzione avvenuto può avere severità da lieve fino a grave (o severa). L’esito finale della parodontite è la perdita dei denti o anche di tutta la dentizione.

Eziologia e sintomatologia
La parodontite è una malattia ad eziologia batterica ed a patogenesi infiammatoria. È generata da batteri e si evidenzia con tutti i sintomi dell’infiammazione. Segno principale è il sanguinamento delle gengive, presente in un primo momento solo quando le gengive vengono stimolate, poi anche spontaneamente. Segni e sintomi secondari sono: alitosi, mobilità dentaria, ascesso parodontale, essudazione purulenta, recessione gengivale.

Fattori di rischio
Lo sviluppo della parodontite dipende da fattori legati al paziente (es. la suscettibilità genetica del paziente) e fattori ambientali (vale a dire fattori esterni, che si possono modificare). Tra questi ultimi, i più noti sono scarsa igiene orale, fumo, diabete, stress, interventi odontoiatrici sbagliati.

Foto sopra: i tessuti di sostegno del dente sono: gengiva, legamento parodontale, cemento radicolare, osso alveolare.
Foto a fianco: In questa bocca di un paziente affetto da una forma severa di parodontite si notano la presenza di tartaro e le gengive che si sono retratte attorno a diversi denti.