22 maggio, 2018
Banner Top
Cosa fare con la “piorrea” (parodontite)

Molte persone sono angosciate dall’idea di avere la “piorrea”, termine improprio ma tutt’ora molto usato nel linguaggio comune per indicare la malattia parodontale o parodontite. Queste persone temono che si tratti di una sorta di malattia senza speranza che porta inevitabilmente alla perdita dei denti. Per fortuna non è così.

 

La “piorrea” è causata dai batteri contenuti nella placca batterica e nel tartaro che si depositano sui denti. I batteri provocano l’infiammazione della gengiva e la distruzione di tutti i tessuti che circondano e sostengono i denti (le gengive, l’osso ed il legamento parodontale).

 

Il primo e più comune segno della parodontite è normalmente il sanguinamento che può verificarsi dopo l’uso dello spazzolino o spontaneamente. Si possono inoltre riscontrare alitosi, ascessi, retrazione gengivale, aumento della mobilità o cambiamento di posizione di uno o più denti fino alla perdita degli stessi. Questa malattia, purtroppo non dà dolore, quindi è importante che il paziente si rechi dal dentista regolarmente per delle visite di controllo, o appena osservi anche solo uno di questi segni.

 

Infatti, il dentista può diagnosticare e curare la parodontite.
La diagnosi di questa malattia è semplicissima, non invasiva e consiste nel far scorrere lungo la superficie dei denti, tra gli stessi e la gengiva, una piccola sonda che consente di rilevare l’infiammazione e l’eventuale distruzione dei tessuti attorno ai denti (tasche parodontali).

 

La terapia consiste primariamente nella rimozione professionale dei batteri contenuti nella placca e nel tartaro che aderiscono alle superfici dei denti e delle gengive. Oltre a quanto svolto dal dentista, è fondamentale che il paziente mantenga i denti puliti usando correttamente e quotidianamente spazzolino, scovolino e filo interdentale. In questo modo la malattia si ripresenta con maggiore difficoltà ed in forma meno grave. In altre parole, generalmente, mantenendo la bocca pulita e limitando il fumo si evita la recidiva della malattia.
Il ricorso alla chirurgia (terapia chirurgica parodontale) è talvolta utilissimo, ma è necessario solo in alcune particolari situazioni cliniche e, comunque, deve sempre seguire e mai precedere un’accurata e scrupolosa pulizia della bocca sia da parte del dentista che da parte del paziente.

 

Consigli pratici

In caso di sanguinamento, rossore e gonfiore gengivale, alitosi, mobilità e spostamento dei denti, è importante che il paziente si rechi dal dentista per una diagnosi il più possibile precoce della malattia parodontale.
Il mantenimento di una bocca pulita attraverso l’uso corretto e quotidiano di spazzolino, filo interdentale e scovolino è di fondamentale importanza per preservare la salute di tutta la bocca, comprese le gengive.

Photo by Juil Yoon on Unsplash

Related Article