21 Ottobre, 2019
Banner Top
Parodontite e diabete, due patologie dai meccanismi comuni

Esiste un legame dimostrato tra la parodontite e il diabete.

 

Lo sostiene uno studio condotto dalla Federazione Europea di Parodontologia e la Federazione Internazionale Diabete, da poco pubblicato sul Journal of Clinical Periodontology. Se la salute dei denti viene trascurata, le probabilità dell’aggravarsi del diabete si moltiplicano. Al contrario, prestando attenzione alla cura dentale anche l’altra patologia è in grado di essere tenuta sotto controllo.

Coloro che sono affetti da parodontite hanno una maggiore predisposizione al diabete, con un rischio di prendere la malattia maggiore del 20% rispetto ai soggetti che presentano gengive sane. I processi infiammatori anomali potrebbero essere il meccanismo comune che lega le due problematiche.

Il documento, redatto congiuntamente dalle due Federazioni, cerca di individuare i possibili meccanismi comuni alle due patologie. Le evidenze scientifiche analizzate e riportate al suo interno affermano che prestando attenzione alla cura della salute della bocca intervenendo sulla parodontite, è possibile di controllare anche il diabete monitorando la malattia attraverso l’esame dell'”emoglobina glicata”.

 

La malattia delle gengive (parodontite) e il diabete sono due patologie che vanno a braccetto: curando l’una si migliora anche l’altra. Viceversa, se si trascura una delle due, anche l’altra si aggrava. Inoltre, chi si ammala di parodontite ha un rischio diabete di almeno il 20% più alto rispetto a coloro che hanno gengive sane, a parità di altri fattori di rischio per il diabete. Le due patologie hanno un meccanismo comune alle spalle, mediato da processi infiammatori anomali e dalla azione a distanza dei prodotti finali del metabolismo del glucosio.

È la conclusione di un importante documento congiunto senza precedenti stilato dai parodontologi della Federazione Europea di Parodontologia e i diabetologi della Federazione Internazionale Diabete. Il consensus è stato pubblicato sul Journal of Clinical Periodontology, spiega all’ANSA uno degli autori italiani Filippo Graziani, Professore dell’Università di Pisa e socio attivo della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia, e mette a nudo anche i possibili meccanismi comuni alle due problematiche.

 

Diverse evidenze scientifiche analizzate e raccolte in questo documento, sottolinea l’esperto, consentono di dimostrare che curando la parodontite si riesce anche a controllare meglio il diabete, a mostrare cioè un miglior controllo glicemico nel tempo (con migliori valori dell’esame dell'”emoglobina glicata”) usato proprio per valutare nel diabetico quanto la sua malattia sia o meno sotto controllo).

 

Il meccanismo biologico in gioco per entrambe le malattie è una infiammazione generale dell’organismo, come suggerito dalla presenza sia nei pazienti diabetici sia in quelli con parodontite, di eccesso di molecole pro-infiammatorie ovvero di interleuchine, fattore di necrosi tumorale ed eccesso di radicali liberi.
Nel documento le due federazioni stilano, dunque, delle linee guida congiunte rivolte a medici, dentisti e pazienti per migliorare la diagnosi precoce, la prevenzione e la cogestione di diabete e parodontite, conclude Graziani.

A cura della Commissione Editoriale della
Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

gengive - Logo SIdP

Related Article

error: Copyright Gengive.org