26 maggio, 2018
Banner Top
Gli Antibiotici e la Parodontite

La parodontite è una patologia causata dai batteri presenti nella placca batterica e nel tartaro che aderiscono sulla corona e sulla radice del dente. Questi batteri causano infiammazione e distruzione della gengiva e dei tessuti che circondano e sostengono il dente (osso e legamento parodontale). Con la progressione della malattia il dente sarà sempre meno supportato dai tessuti circostanti, diventando mobile, fino a cadere.

 

La terapia principale della parodontite è la rimozione meccanica della placca e del tartaro dai denti da parte del dentista. A completamento della terapia meccanica, il dentista può eventualmente prescrivere dei gel e collutori antibatterici da applicare localmente, o degli antibiotici.

Gli antibiotici sono farmaci in grado di sopprimere i batteri o di bloccarne la crescita. Gli antibiotici non sono in grado da soli di curare la parodontite, perché non raggiungono in modo efficace i batteri che sono situati all’interno placca. Questi farmaci devono sempre essere associati alla terapia meccanica e vengono prescritti dal dentista in situazioni particolarmente gravi (per esempio ascesso parodontale, gengivite ulcero necrotica acuta o alcuni casi di parodontite aggressiva). Quindi solo il dentista può decidere se sia o meno il caso di somministrare un antibiotico e quale scegliere fra le varie categorie esistenti.

 

Cautele nella prescrizione degli antibiotici

Gli antibiotici possono causare allergie o interagire con altri farmaci. Il paziente deve comunicare al proprio dentista eventuali effetti collaterali che si sono manifestati in passato nei confronti degli antibiotici (e anche di altri farmaci) e riportare la lista di tutti i farmaci che assume e le patologie di cui soffre.

 

Cautele nell’assunzione degli antibiotici

La terapia antibiotica può causare disturbi gastro-intestinali al paziente. Quindi, in alcuni casi è consigliata l’assunzione di fermenti lattici o farmaci gastroprotettori in associazione alla terapia antibiotica.
Le bevande alcoliche possono interagire negativamente con l’assunzione dei farmaci antibiotici. Si consiglia di astenersi dal bere vino, birra o superalcolici durante il periodo della terapia.
Infine, il paziente in terapia con questi farmaci dovrebbe prestare particolari cautele durante l’esposizione ai raggi solari. Infatti alcuni tipi di antibiotici, come l’amoxicillina, possono causare fotosensibilizzazione della pelle con effetti sgradevoli e fastidiosi, come la comparsa di irritazioni e bollicine.

Riassumendo:

  • Il paziente non deve autoprescriversi un antibiotico se pensa di avere la parodontite: è necessario prima fare una diagnosi corretta della malattia, quindi decidere se questo farmaco sia necessario
  • Il paziente deve ricordarsi di far sempre presente al dentista eventuali allergie accertate agli antibiotici
  • Il paziente deve ricordarsi di far sempre presente al dentista i farmaci che assume e le patologie di cui soffre in modo che possa essere scelto il corretto antibiotico da somministrare

 

Importante: gli antibiotici, senza la concomitante rimozione della placca e del tartaro dai denti, sono inefficaci!

Related Article