23 Settembre, 2019
Banner Top
Mantenimento degli impianti

Per mantenere una mucosa perimplantare in buona salute è fondamentale prendersi cura della propria bocca, considerando l’impianto alla stregua dei denti naturali. In che modo è possibile effettuare il corretto mantenimento degli impianti dentali? Per prima cosa è necessario tenere sotto controllo la placca attraverso una buona igiene orale domiciliare. Inoltre è importante seguire un regolare programma di igiene orale professionale. Dunque è necessario compiere le stesse azioni che per i denti naturali, ma con ancora maggiore attenzione!

 

Il paziente dovrà seguire le indicazioni sulle procedure d’igiene consigliate da medico o igienista per evitare infezioni che portino all’insuccesso dell’intervento. Ad ogni richiamo andrà valutata la mucosa perimplantare, la presenza o assenza di placca e tartaro, la presenza o assenza di suppurazione, la profondità di sondaggio, la mobilità clinica dell’impianto.

 

Se interviene una mucosite (reazione infiammatoria dei tessuti molli che circondano l’impianto) l’igienista dovrà rimuovere la placca e/o il tartaro attorno ai pilastri per evitare che la mucosite progredisca. Il cattivo mantenimento degli impianti dentali può infatti degenerare e provocare gravi infiammazioni come perimplantite. La perimplantite è una patologia in grado di compromettere la salute dell’impianto, provocando danni alla struttura di sostegno composta dai tessuti parimplantari.

A cura della Commissione Editoriale della
Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

gengive - Logo SIdP

Related Article