23 Maggio, 2019
Banner Top
Cancro al colon: occhio alla placca dentale

Si chiama Fusobacterium Nucleatum ed è un batterio a volte presente nella placca e coinvolto nella eziologia del cancro del  colon. Uno studio pubblicato sulla rivista Embo Reports da alcuni esperti della Columbia University College of Dental Medicine ha dimostrato che il batterio può favorire lo sviluppo della  neoplasia. Il tumore, a sua volta, favorirebbe l’adesione del batterio alle cellule malate stimolandone la crescita.

Il Fusobacterium nucleatum è in grado di produrre una tossina, la “adesina FadA”, che può incrementare la crescita del tumore. Gli studi degli esperti affermano che una molecola delle cellule tumorali, perciò delle cellule malate, chiamata “Annessina A1”, è in grado di far aderire il batterio dando origine a un circolo vizioso: più batteri sono attirati dalle cellule malate, più la molecola di Annessina A1 si ingrandisce, aggravando la situazione tumorale.

Lo studio è stato condotto su un campione di 466 pazienti con tumore, ed è stato dimostrato che coloro che manifestavano una presenza di Annessina A1 più elevata erano i pazienti in cui l’avanzamento del tumore progrediva più rapidamente. La molecola di Annessina potrebbe rivelarsi un fattore in grado di permettere una prognosi della situazione tumorale e potrebbe servire per calibrare gli interventi individuando quali siano le migliori cure mediche.

Cristiano Tomasi, socio attivo SIdP ed esperto dell’Università di Göteborg in Svezia, afferma che lo studio è sicuramente un interessante spunto. Il Fusobacterium nucleatum è un batterio molto indagato anche nelle malattie parodontali. Molti anni fa erano già stati condotti delle ricerche, inserendolo nel cosiddetto “complesso arancione”. Più recentemente l’associazione tra malattie parodontali e Fusobacterium nucleatum è stata approfondita, individuando il batterio in proporzioni elevate anche nella fase iniziale della perimplantite. Tomasi conclude che studi futuri saranno incentrati sull’individuazione di strumenti diagnostici e terapeutici sempre più accurati ed efficaci basati sulla relazione tra microbioma, ovvero il corredo di batteri che contraddistingue gli individui, e la risposta dell’organismo.

A cura della Commissione Editoriale della
Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

gengive - Logo SIdP

Related Article