Risposte

Risposte

Il Tartaro, chiamato anche calcolo, è formato dall’insieme dei depositi minerali che si annidano intorno al dente.

La tasca parodontale è uno spazio tra dente e gengiva creatosi in seguito alla distruzione dei tessuti che circondano il dente (gengiva e osso).

Le patologie delle gengive si trattano attraverso la rimozione di placca e tartaro dalle superfici dentali con trattamenti non chirurgici (levigatura delle radici) e chirurgici (sollevamento di lembi gengivali e levigatura delle radici).

La strumentazione parodontale sopra e sotto gengivale essenzialmente mira a ridurre la carica batterica ed a creare condizioni ambientali compatibili con lo stato di salute del paziente.

Non esiste alcuna evidenza che aa Parodontite possa essere curata con la medicina omeopatica o con l’utilizzo di rimedi naturali. 

La mucosite è una malattia infiammatoria reversibile del tessuto molle adiacente all’impianto dentale. La sua diagnosi precoce è fondamentale per evitare che essa progredisca in una patologia irreversibile che può determinare la perdita dell’impianto. Recenti studi indicano che circa due impianti su tre sono affetti da mucosite.

Un buon controllo dell’igiene orale domiciliare, l’assunzione di un corretto stile di vita, un periodico esame clinico e radiografico dell’impianto eseguito dal nostro dentista, così come seguire un protocollo di richiami di igiene orali professionali adeguatamente e individualmente formulato, rappresentano i mezzi migliori di prevenzione di sviluppo di perimplantite.  

La clorexidina è il prodotto anti-infiammatorio e antiplacca più efficace nel trattamento delle malattie gengivali, in aggiunta alle cure del dentista. Possiede alcuni effetti indesiderati.

La clorexidina possiede ottime proprietà anti-infiammatorie e antiplacca: deve essere usata sotto il controllo del dentista o dell’igienista dentale, dal momento che può causare alcuni transitori effetti collaterali. Può essere utilizzata sottoforma di collutorio, spray, gel o dentifricio.

I collutori non sono in grado, da soli, di curare una gengivite (e ancor meno una parodontite!) se non sono associati alla rimozione meccanica della placca e del tartaro. Si possono rivelare invece molto utili in associazione a quest’ultima. Saranno il dentista e l’igienista a suggerire il collutorio più appropriato e le modalità di impiego per risolvere un determinato probleme.